Contatti LEGA UCP
Regolamento Ufficiale UCP

In allegato trovate il Regolamento Ufficiale UCP aggiornato ad Ottobre 2017

Download

Regolamento Ufficiale UCP

In allegato trovate il Regolamento Ufficiale UCP aggiornato a settembre 2015

Download

VERBALE DELLA SERATA DI PRESENTAZIONE STAGIONE 2012/2013

Padova 28/09/2012

SERATA DI PRESENTAZIONE CAMPIONATO UCP STAGIONE 2012/2013 HOTEL PLAZA  PADOVA

E’ presente tutto il direttivo UCP

La serata inizia con la Presentazione da parte di Giorgio Borile (GB) membro del direttivo dell’UCP sezione Calcio Amatoriale

Prende la parola il Presidente Gino Pastore che dopo i ringraziamenti, fa una breve disamina della passata stagione.

GB illustra il progetto per la stagione 2013/2014 in cui il campionato festeggerà il 20° compleanno. Sarà una annata particolare, piena di sorprese e soprattutto vedrà la nascita di una rappresentativa tra i migliori giocatori di ogni squadra iscritta, la quale avrà la possibilità di confrontarsi con prestigiose società calcistiche a livello regionale e non solo.

Passa la parola al responsabile informatico Fabio Pinton il quale presenta il nuovo portale e il suo utilizzo per essere sempre aggiornati e inserire i nuovi tesserati.

Altra novità la possibilità di avere in tempo reale i risultati di ogni gara appena conclusa. Inoltre i collegamenti Facebook e Twitter per interagire con tutti coloro che lo ritenessero opportuno. Infine ci sarà la sezione con tutte le foto delle compagini impegnate che saranno a loro volta usate per la pubblicazione sui giornali locali.

L’Avvocato Jacopo Tognon illustra l’importanza di un comportamento leale e sportivo, sottolineando la necessità da parte delle società di munirsi di un certificato medico sportivo, che solleva di fatto la società stessa, da responsabilità oggettive in caso di infortunio o malattia da parte del calciatore, capitate nell’ambito societario.

GB ribadisce l’obbligatorietà del certificato da presentare in sede entro e non oltre il 1/11/2012.

Parola al responsabile arbitri Alberto Piacentini che invita i dirigenti ad avere più dialogo con lui, anche andando in sede previo appuntamento, allo scopo di esaminare con serenità, tutte le situazioni che si possono creare nel corso della stagione.

GB chiarisce senza che gliene fosse stato richiesto, il motivo per il quale una società come il San Giorgio delle Pertiche, vincitore delle UcpCup, nonché del titolo di Campione d’Italia Endas 2011/2012,  abbia deciso di non iscriversi al campionato. L’esaustiva spiegazione è stata apprezzata dall’assemblea che condivide la decisione del direttivo relativa alla stagione passata in merito a un contenzioso tra Ucp e  la società sopracitata.

GB da inizio alla parte che comprende l’aspetto pratico per la stagione che si accinge ad iniziare sciorinando date di inizio e fine campionato, soste, e date inizio e fine Play off e Primavera e UcpCup.

Finale Supercoppa tra Aurora Conselve e Intercosmo Montegrotto avrà luogo mercoledi 10/10/2012 presso lo stadio di Mezzavia.

il Conselve ha acquisito il diritto di disputare la finale di Supercoppa, in quanto L’Alleanza Rumena vincitrice del Campionato Primavera proprio contro l’Aurora Conselve, alla data attuale non ha ancora dato conferma di iscrizione per la stagione 2012/2013.

GB spiega il motivo per cui da quest’anno, le gare che dovranno essere spostate solo per motivi tangibili e dimostrabili, dovranno essere comunicate con sufficiente preavviso, previa sconfitta a tavolino.

GB presenta la novità della stagione ovvero la facoltà, per coloro che lo ritenessero opportuno, di portare tra campo e panchina fino a 22 giocatori identificabili in lista arbitrale, con la possibilità però invariata, di sostituire fino ad un numero massimo di 7 giocatori.

Si chiarisce che anche le dirigenti donne, possono adempiere a qualsiasi ruolo in campo. (dirigenti, allenatrici, massaggiatrici, segnalinee)

Alle 21,45 circa si procede con la composizione del girone di A1 e dei 3 di A2.

Alle 22,00 presentazione Coppa UCP con spiegazione dettagliata del regolamento che prevede dei ripescaggi alla fase finale in base a dei criteri predeterminati.

Si procede col sorteggio delle gare ad eliminazione diretta; estrazione avvenuta da 2 bambini presenti in sala e figli di due dirigenti di altrettante squadre presenti in sala.

Al termine alcune Società presenti, hanno chiesto il diritto di esporre alcuni pensieri e proposte:

Il Borgoforte chiede di poter accedere alla Banca Dati Ucp per poter usufruire dei dati del tesseramento dei calciatori di altre squadre, onde evitare l’impiego di giocatori, non aventi il diritto(es. tesserati figc); la richiesta è stata a totale maggioranza bocciata per motivi di privacy.

Il Conselve chiede la possibilità di poter effettuare 11 cambi (tutta la panchina). Proposta non accettata, in quanto molte squadre sono iscritte con un numero limitato di atleti.

Il Legnaro 84 dibatte sul fatto che solamente 4 squadre su 10 di A1, si possano contendere, con le prime 2 classificate per girone in A2, il titolo di campione. Proposta accolta.

Il Monselice propone che lo spostamento delle gare, sia consentito solo dopo debito preavviso, ma soprattutto motivato con ragioni accertabili e non più per situazioni di comodo. Tutta l’assemblea sembra concorde.

Viene sollevato il problema annoso della quota assicurativa imposta(15€), la quale praticamente non copre nessun infortunio. Viene proposto dal Direttivo, la possibilità di avere una convenzione con un’altra assicurazione che preveda, con un maggiore esborso (da quantificare) una reale copertura del danno. Il direttivo intercederà per trovare una soluzione adeguata al problema.

Senza alcun’altro argomento di discussione, l’assemblea si congeda

La riunione termina alle 22,30

PRESENTAZIONE UFFICIALE

Sala gremita per la presentazione ufficiale della 19^ edizione del campionato UCP. Un torneo che ha già superato la maggiore età e si accinge all'importante traguardo dei 20, che fin da ora si annuncia un'edizione "scoppiettante" con diverse novità già in cantiere, prima fra tutte la nascita di una rappresentativa che disputerà amichevoli con prestigiose squadre  militanti nei campionati professionisti.

Ma le novità iniziano già da questa edizione e proprio ieri sono state svelate al cospetto dei presidenti e di numerosi tesserati: a cominciare dai gironi in cui sono state suddivise le 40 squadre partecipanti, la nuova formula dell'UCP CUP e il nuovissimo sito, presto in versione mobile.

Un'occasione, quella della presentazione, per ricordare le fondamentali regole che contraddistinguono il torneo UCP rendendolo unico e allo stesso tempo genuino, dove oltre a un sano agonismo, a vincere sono il fair play e la sportività.

Si scende in campo fra due week end, senza dimenticare l'appuntamento con la finale SUPER COPPA, tra INTERCOSMO e CONSELVE, in programma mercoledì 10 ottobre alle ore 21.00 sul campo di Mezzavia / Montegrotto.

Quindi, come direttivo, non ci resta che augurare un BUON CAMPIONATO a tutti

 

LO STATUTO UCP (Unione Calcio Provinciale)

TITOLO I
Art. 1 - L’Associazione
1. E’ costituito con sede in Padova, vicolo Tiziano Aspetti 62, l’U.C.P. (Unione Calcio Provinciale). La cui durata è stabilita a tempo indeterminato.
Art. 2 - Le Finalità
1. L’ U.C.P. ha tra i suoi fini istituzionali la promozione di attività sportive nonché la socializzazione e l’integrazione delle persone, garantendo le pari opportunità allo scopo di sviluppare e consolidare, anche in collaborazione con organi e istituzioni dello Stato, il progresso civile e democratico della Repubblica e dei suoi cittadini.
2. Nel settore sportivo, l’U.C.P.. ha per fine istituzionale la promozione e l’organizzazione di attività fisico-sportive con finalità ricreative e formative, svolgendo le proprie funzioni nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del C.O.N.I., delle Federazioni Sportive Nazionali e delle Discipline Sportive Associate.
3. Per il raggiungimernto delle proprie finalità l’U.C.P svolge, senza scopi di lucro attività sportive, e ricreative, curando in particolare la promozione della formazione di professionalità dei giovani e dei lavoratori.
 

TITOLO II
Art. 3 - I Soci
1. Sono soci dell’U.C.P coloro che ne condividono gli ordinamenti generali e che si impegnano a partecipare alla vita dell’Associazione. Possono far parte dell’Ente le persone fisiche, italiane e straniere, che risultino incensurate ed in possesso di ottimi requisiti morali.
2. I soci, con il compimento della maggiore età, partecipano con pari diritti alla elezione degli organi sociali, sono eleggibili a tutte le cariche sociali e partecipano a pieno titolo alla approvazione e/o modifica dello statuto e dei regolamenti, purché in possesso dei seguenti requisiti, previsti per l’accesso all’elettorato passivo:
a) essere in possesso della cittadinanza di uno stato appartenente alla Unione Europea;
b) non aver riportato condanne penali passate in giudicato per reati non colposi a pene detentive superiori ad un anno ovvero a pene che comportino l’interdizione dai pubblici uffici superiore ad un anno;
c) non aver riportato nell’ultimo decennio, salvo riabilitazione, squalifiche o inibizioni sportive complessivamente superiori ad un anno;
d) non aver subito sanzioni di sospensione dall’attività sportiva a seguito dell’utilizzo di sostanze e metodi che alterano le naturali prestazioni fisiche nelle attività sportive.
3. Sono soci sportivi gli iscritti, impegnati nell’attività sportiva, in qualità di praticanti, atleti, dirigenti, tecnici, giudici, arbitri, operatori sportivi nonché altre figure similari, che abbiano con i circoli e le società sportive affiliate, o direttamente con l’Ente, un rapporto continuativo. Per la eleggibilità nelle società sportive, sono inoltre richiesti i medesimi requisiti previsti per l’elettorato passivo in seno all’U.C.P
4. L’adesione implica l’accettazione del presente Statuto.
Art. 4 – Ammissione
1. La domanda di ammissione quale socio del’U.C.P è presentata ad una struttura di base: Circolo di Ricreazione e di Azione Sociale e/o società o associazione sportiva, che accertati i requisiti di cui all’art.3 e l’avvenuto pagamento della quota o contributo sociale, la trasmette alla Direzione Provinciale/Zonale per l’inoltro, attraverso il Comitato Esecutivo Regionale, alla Direzione Nazionale ai fini dell’accoglimento.
2. La quota e/o contributo associativo non è trasmissibile né rivalutabile ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte.
3. Non sono ammesse partecipazioni temporanee, né limitazioni in funzione della partecipazione alla vita associativa.
4. A seguito dell’accoglimento della domanda di ammissione, i soci partecipano all’attività dell’Ente attraverso tali strutture.
Art. 5 – Modifiche allo Statuto
1. La metà più uno dei soci, aventi diritto al voto, può presentare all’U.C.P proposte dettagliate e specifiche di modifica dello Statuto.
Art. 6 – Il Presidente del’U.C.P
1. Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’U.C.P ed è responsabile del funzionamento dell’Associazione.
2. Può delegare la firma per atti specifici.
3. Convoca l’Assemblea dei Soci.
4. Può avvalersi di consulenze esterne.
Art. 7 – Elezione del Presidente
1. Il Presidente U.C.P è eletto dal Direttivo UCP.
2. Risulta eletto il candidato che ha riportato almeno il 51% dei voti presenti.
Art. 8 – Il Direttivo UCP
1. Il Direttivo è composto dal Presidente Nazionale che la presiede e da non più di 10 Consiglieri eletti dall’Assemblea.
2. Il Direttivo si riunisce:
a) quando il Presidente lo ritenga opportuno, in relazione alle materie di competenza;
b) quando ne venga avanzata esplicita richiesta da almeno 3 dei suoi componenti.
3. Il Direttivo deve riunirsi almeno due volte nel corso dell’anno ed è validamente costituita quando siano presenti il Presidente, o chi ne fa le veci, ed almeno la maggioranza dei componenti
Art. 9 – Competenze del Direttivo UCP
Il Direttivo dirige ed amministra l’attività dell’Associazione, predispone i programmi e ne cura l’attuazione per il perseguimento degli scopi istituzionali. In particolare realizza i fini e le funzioni dell’Associazione.
a) amministra i fondi ed approva il bilancio di previsione,
b) esamina e discute le linee di sviluppo e di potenziamento organizzativo dell’Associazione, k) emana i regolamenti dell’associazione e le successive modificazioni;
c) vigila sull’osservanza dello Statuto e delle norme dell’Associazione;
d) stabilisce le quote di affiliazione e del tesseramento. 

TITOLO III - NORME COMUNI E GENERALI
Art. 10 - Il patrimonio e il bilancio dell’Associazione
1. Il patrimonio dell’Associazione è formato dai beni immobili e mobili e dai valori a qualsiasi titolo ad essa pervenuti.
2. Le entrate sono costituite:
a) dai proventi del Tesseramento;
b) dagli interessi attivi e dalle altre rendite patrimoniali;
c) dai beni o contributi pervenuti per atti di liberalità o per qualsiasi altro titolo.
3. L’esercizio finanziario ha durata annuale e coincide con l’anno solare.
4. Al termine dell’esercizio finanziario l’U.C.P. delibera sul bilancio consuntivo.
5. E’ comunque fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione e la distribuzione non siano imposte dalla legge.
PER ENTRARE IN CONTATTO CON NOI
DOVE SIAMO

Ecco qui riportata la vista dall’alto della nostra sede!

Raggiungerci è meno difficile di quanto possa sembrare.

Ci troviamo sotto la tribuna Est dello stadio Euganeo.

Con le macchine l’ingresso è previsto dalla parte della tribuna Ovest (inizio linea rossa), basta poi seguire la strada…tenendo il laghetto alla destra, appena superata la curva dei sostenitori del Padova a sinista, bisogna parcheggiare ed imboccare il vialetto pedonale…dalla cancellata in lontananza è visibile l’ingresso dei nostri uffici (che in linea d’aria sono in corrispondenza del centrocampo)

Unione Calcio Provinciale
Benvenuti nel sito dell' UNIONE CALCIO PROVINCIALE. Il campionato di Calcio amatoriale che a Padova non ha rivali!
UCP su Facebook
LegaUcp su Facebook

Per non perdere nessun aggiornamento diventa nostro amico in facebook.

LegaUcp - Facebook